AMD Ryzen 3000 Ram Scaling : Timings, Frequency, Fclk

Timings e Frequenze

Per la prima parte dei test utilizzerò il kit di Trident Z con il seguente profilo di riferimento, con Dram Voltage di 1.45v:

FREQUENZA E FCLK

Iniziamo dal parametro più noto a tutti. Abbiamo eseguito il confronto non variando i timings del profilo di riferimento, ma cambiando solamente la frequenza delle Ram e dell’Infinity Fabric. In particolare 3200mhz con IF a 1600mhz (1:1) , 3600mhz con IF a 1800mhz (1:1), 3733mhz con IF a 1866mhz (1:1) ed in ultimo 4000mhz con IF a 1866mhz (quindi non più in coupled mode).

Lo scaling della frequenza delle Ram e dell’Infinity Fabric, come prevedibile è tangibile. Aumentare però la frequenza fino a 4000mhz (per farlo, mantendendo questi timings, abbiamo dovuto alzare il Dram Voltage) lasciando indietro l’fclk non dà ottimi risultati, che infatti sono peggiori di quelli ottenuti con ram a 3600mhz ed fclk a 1800mhz.

TIMING PRIMARI

Abbiamo dovuto apportare delle modifiche al profilo di riferimento, in particolare i due preset usati hanno tRAS 36 e tRC 54.

Ci saremmo sicuramente aspettati un scaling molto più pronunciato. Nonostante la variazione da 16-17-16-16 a 18-19-18-18, cambiano pochi fps, quasi nulla su Assassin’s Creed Origins e 3fps su Tomb Raider.

tRAS e tRC

Il nostro profilo di riferimento ha tRAS 28 e tRC 42 e per questo test lo abbiamo confrontato con tRAS 38 e tRC 72, parametri molto vicini a quelli di alcuni profili xmp di Ram a 3600mhz.

In questo caso, abbiamo uno scarto apprezzabile di qualche fps su tutti i titoli.

tFAW

Molto spesso questo parametro viene impostato in automatico tra 34 e 38 dalla scheda madre, a volte anche sopra i 40. Abbiamo contrapposto il tFAW del nostro profilo ad un valore di 34.

Dall’immagine si comprende perchè abbiamo deciso di effettuare i benchmark su questo singolo timing. Nonostante si parli di un solo parametro, la variazione è apprezzabile su entrambi i giochi.

tRRDS, tRRDL, tCWL, tRTP

Chi ha avuto modo di usare il Dram Calculator probabilmente avrà notato che questi quattro parametri variano tra il profilo “FAST” ed il profilo “SAFE” . In automatico la motherboard li imposta su valori molto simili al profilo SAFE.
Abbiamo contrapposto al nostro preset tRRDS 4, tRRDL6, tCWL14, tRTP 8, dei valori più rilassati, ovvero tRRDS 6, tRRDL8, tCWL16, tRTP 12.

In poche parole lo scaling è minimo, quasi assente.

tWR, tWTRS, tWTRL

Il tWR, in particolare, è un timing che la scheda madre tende ad impostare su valori piuttosto elevati. Abbiamo confrontato tWR 12, tWTRS 4, tWTRL 12 a tWR 24, tWTRS 5, tWTRL 14.

Abbassare questi timings da un piccolo miglioramento, in entrambi i titoli.

tRFC

Anche in questo caso si parla di un parametro che in automatico viene impostato su valori molto elevati, specialmente salendo con le frequenze delle Ram. Abbiamo contrapposto 288 del nostro preset a tRFC 586 , un valore non del tutto casuale che ritroveremo nel preset per le Micron E-DIE.

Lo scarto è piccolo, ma anche effettuando le prove diverse volte, lo abbiamo puntualmente riscontrato.

tRDRD SCL, tWRWR SCL

Questi due timings sono molto correlati alla stabilità del sistema. Un valore troppo basso può essere controproducente anche in termini di performance.
La nostra Taichi in automatico ha impostato tRDRD SCL 6, tWRWR SCL 6, valori che abbiamo contrapposto al nostro preset di riferimento.

Su Tomb Raider non sembra influire molto, invece su Assassin’s Creed abbiamo riscontrato un piccolo scarto.

tCKE

Il tCKE su moltissimi kit di Ram è possibile abbassarlo fino ad 1. Abbiamo indagato sullo scaling di questo parametro dando un valore di 8 (datogli dalla motherboard, lasciandolo su “auto”).

Nonostante la differenza tra 1 ed 8 sia notevole, non abbiamo alcun miglioramento tangibile.

tWRWR DD, tWRWR SD, tRDRD DD, tRDRD SD, tRDWR, tWRRD

Questi timings anche se sono modificabili, in minima quantità, sono più legati alla stabilità dell’overclock che al miglioramento delle performance. Modificare il tWRRD ed il tRDWR con valori diversi da 10 e 1, come ad esemepio 9 e 1, o 7 e 3 (valori molto comuni per la seconda generazione di Ryzen), ha portato ad un immediata instabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.