Msi Meg x570 Ace review. x570 vs x470

Conclusioni

La MSI Meg x570 Ace è una scheda madre che ci è piaciuta, con cui ci siamo divertiti e che non ha disatteso le nostre aspettative.
Allo stato attuale delle cose il confronto con x470 non ha mostrato un tale miglioramento che giustifichi un passaggio da x470 ad x570, ovviamente il discorso è diverso se invece si valuta l’acquisto di una scheda madre per una nuova configurazione con un Ryzen 3000.
La pcie 4.0, con le gpu compatibili oggi in commercio, non offre un miglioramento tangibile, ma la situazione potrebbe cambiare in futuro.

Il discorso cambia invece se guardamo allo storage. I nuovi Nvme 4.0 mostrano numeri interessanti, soprattutto se parliamo di letture e scritture sequenziali (meno se guardiamo alle random).
Il nuovo chipset ha però una marcia in più quando iniziamo a cercare il limite della piattaforma. Un’altra differenza grossa che abbiamo notato sta nella fase di boot. Il boot sulla Meg Ace è palesemente più veloce che sulla taichi. La cosa diventa ancora più palese nei riavvii, che sulla x570 MSI sono veramente rapidi.
Una breve parentesi sulla ventolina del chipset va fatta. Alcuni utenti hanno mostrato perplessità sulla presenza della ventolina per raffreddare il chipset, temendo potesse diventare rumorosa. La ventolina è letteralmente inudibile ed è veramente difficile ritrovarla in rotazione durante l’uso quotidiano.

Quando iniziamo a guardare l’overclock con interesse, la Ace regala diverse chicche che abbiamo apprezzato ed una straordinaria propensione all’oc sia sulle Ram che sulla CPU.

L’hardware utilizzato sulla Ace è degno di nota ed MSI non ha guardato di certo al risparmio, offrendo una dotazione in linea con il prezzo della motherboard. Le fasi d’alimentazione con 12 infineon ir3555 e 6 doubler ir3599 lascia soddisfatti anche i più esigenti.
Il Bios offre molte possibilità, ma si presenta comunque abbastanza ordinato e user friendly, aspetto da non sottovalutare per l’utente finale.
La scheda non ha mostrato bug particolari o fastidiosi, a parte una piccolezza, che abbiamo osservato in precedenza anche con la b450 tomahawk e con la x370 gaming pro carbon. Nello specifico, quando si utilizza il tasto per il cmos e si applica successivamente un profilo che comprende frequenze e timings sulle ram, la scheda a volte non imposta correttamente il command rate o il gear down. Ci è capitato di ritrovarci con command rate 2t o il Gear Down abilitato, anche se avevamo impostato manualmente 1t (che sulle msi disabilita la modalità gear down automaticamente). In questi casi è stato comunque sufficiente rientrare nel bios e fare nuovamente save and exit.
Le x570 sono mediamente più care rispetto alle precedenti x470, questa è una cosa ormai nota, discussa e abbastanza criticata. Il discorso riguarda chiaramente anche la Meg Ace, che essendo una scheda di fascia alta è innegabilmente cara, con un prezzo che si aggira intorno ai 380euro (QUI). Tuttavia bisogna considerare la cosa anche sotto l’aspetto qualitativo. Le fasi d’alimentazione, la cura nei dettagli e la dotazione offerti sono di ottimo livello e se paragoniamo il prezzo della Ace a quello delle precedenti Asus CH7 e x470 m7 la differenza non è così eclatante, se consideriamo ciò che questa x570 offre.
Questa scheda di casa MSI non è certamente una motherboard per tutte le tasche ma non è pensata per questo. Questa Ace è un piccolo gioiello per gli enthusiast , che come noi, riusciranno indubbiamente ad apprezzare.

PRO

  • Scheda madre curata esteticamente.
  • Dissipazione ben progettata.
  • Comparto fasi degno di nota.
  • Ottima propensione per l’overclock, sia sulla CPU che sulle Ram.
  • Bios ricco e funzionale.
  • Numerose porte M2.
  • Bios button per il Flash del Bios.

CONTRO

  • Prezzo elevato. Non è una motherboard per tutte le tasche. La dotazione hardware è comunque in linea con il prezzo.
  • Un maggior numero di porte sata sarebbe stato apprezzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.