Recap dell’evento AMD del 3 Marzo

L’evento del 3 di Marzo di AMD è stato carico di sorprese, con la società americana che si è apprestata, nel quale sono state annunciate diverse novità sia software che non e dedicate al settore GPU.

Smart Access Memory ora compatibile coi Ryzen 3000

L’evento di AMD si è aperto parlando dello SMA (Smart Access Memory), tecnologia che permette alla CPU di accedere alla totalità della VRAM presente sulla GPU, portando in tal modo un aumento delle performance che va da un 4-5%, fino al 16%, in base al titolo.
Fino ad ora questa è stata una feature ad appannaggio esclusivo delle CPU Ryzen 5000 accoppiate ad una GPU Navi 2X.
Adesso invece il supporto è stato esteso a tutte le CPU appartenenti alla famiglia di processori Zen 2.
Per poter abilitare la funzione però è necessario un aggiornamento BIOS, il cui rollout dipenderà molto dall’AIB della vostra MoBo.

RX 6700XT, l’ammiraglia della fascia media AMD


L’evento della casa rossa è proseguito con la presentazione dell’ammiraglia della fascia media di AMD, la RX 6700XT.
La 6700XT è la prima GPU basata sul chip Navi 22 e la quarta scheda basata sull’architettura Navi 2X.
La nuova scheda AMD presenta 2560 Stream Processors, affiancati da 40 Ray Accelerators e divisi in 40 CUs. La GPU presenta 12 GB di GDDR6 a 16 Gbps articolate su un Bus a 192-bit, un Game Clock di ben 2424 MHz ed un TGP di 230W.
AMD afferma che la scheda sia stata ideata per poter offrire un’esperienza da 1440p al massimo dettaglio grafico e performance comprese tra una Nvidia RTX 3060Ti ed una RTX 3070.

La scheda per le specifiche tecniche che presenta, è un grosso passo indietro rispetto alla RX 6800, presentando ben 20 CUs in meno ed un Infinity Cache di ”appena” 96 MB contro i 128 MB della sorella maggiore, ma nonostante tutto la scheda presenta un prezzo di 479$.
La scheda in versione reference e le custom dei vari partner AIB di AMD dovrebbero arrivare sul mercato in contemporanea il 18 Marzo. Restano però molti dubbi riguardanti la disponibilità.

Aggiornamenti al FidelityFX e ottimizzazioni per il Ray Tracing

AMD ha inoltre annunciato che è ufficialmente pronta per il rilascio di alcuni aggiornamenti per il FidelityFX. Tra i vari elementi parte di questo aggiornamento possiamo vedere la presenza del FidelityFX Super Resolution, una tecnologia proprietaria parallela al DLSS di Nvidia.
La nuova versione del FidelityFX dovrebbe permettere ai giocatori di poter sfruttare il Ray Tracing con minori perdite di performance, appianando lo svantaggio prestazionale nei confronti della rivale.

Ci sono di fatto più di 40 giochi che nel prossimo futuro, oltre al FidelityFX porteranno delle ottimizzazioni o vedranno l’introduzione del Ray Tracing secondo i paradigmi di AMD, come ad esempio Cyberpunk.

Non è stata ancora data una data per l’ufficiale rilascio del FSR, ma esso dovrebbe essere una tecnologia open source, che arriverà su tutti i prodotti che presentano una GPU RDNA2. Includendo quindi PC Desktop, Console di attuale generazione e i Laptop che a breve dovranno arrivare sul mercato e che vedranno l’uso di CPU Zen 3 e GPU Navi 2X, verosimilmente basate sui chip Navi 22 e Navi 23, escludendo quindi GPU top di gamma come le RX 6800.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.