AMD Ryzen 12nm Ram Scaling

Introduzione

Indice

Dopo aver messo le mani sul Ryzen 2700x, abbiamo deciso di scrivere alcuni articoli su questa architettura, sull’overclock e sull’ottimizzazione di questa nuova linea di Ryzen a 12nm.
Il primo di questi articoli verrà dedicato allo scaling con la frequenza delle Ram.
Sin dalla prima generazione di Ryzen questi processori hanno mostrato come gradiscano Ram ad elevata frequenza e che l’incremento prestazionale all’aumentare della frequenza delle Ram è considerevole.
Ciò è dovuto all’architettura in sè, che basa il suo funzionamento su Infinity Fabric, mezzo tramite il quale il processore riesce a dialogare con il chipset. Senza dilungarci eccessivamente sul funzionamento di Infinity Fabric, capitolo delicato e complicato che meriterebbe un articolo dedicato ed approfondito, riassumo dicendo che aumentando le performance delle Ram, diminuirà sensibilmente la latenza nella comunicazione tra core posti su due CCX differenti.
In breve, diminuirà la latenza nella comunicazione tra i due cuori da 4 core, nel caso del 2700x (4 core su un CCX e 4 core nell’altro CCX), che compongono il nostro processore. Ciò ovviamente ha un impatto tangibile su tutti gli applicativi che sono sensibili sul fronte delle latenze.
Uno degli applicativi che risulta essere decisamente sensibile all’aumento delle performance delle Ram, sono proprio i giochi, pertanto abbiamo deciso di testare lo scaling delle performance con la frequenza e l’overclock delle Ram.

Piattaforma Test:

Ryzen 2700x, 2×8 GB Ram Gskill Flare X , x370 Asrock Taichi, Gtx 1080ti Evga Sc , Windows 10 Pro, Risoluzione Test 1920 x 1080p.


I Giochi utilizzati sono stati scelti tra quelli più Ram sensitive che avevamo in nostro possesso, e tutti con benchmark integrato, appositamente per ridurre l’errore umano al minimo.

Sono stati installati su un SSD, Samsung 860 evo 500GB, in modo da evitare eventuali limitazioni dovute all’hard disk meccanico e sono stati impostati a risoluzione Full HD.
Il Ryzen 2700x è stato utilizzato ottimizzando da Bios l’xfr 2.0, quindi non overcloccandolo in modo tradizionale attraverso il moltiplicatore, cosa che approfondiremo con un articolo dedicato appositamente all’argomento.
Le Ram utilizzate sono delle Flare X certificate per Ryzen con XMP profile a 3200mhz C14. Le abbiamo utilizzate con gli stessi timing a 2400mhz, a 2933mhz, a 3200mhz. Infine le abbiamo overcloccate a 3466, ottimizzando anche i timings ed i subtimings, aspetto da non sottovalutare e a cui dedicheremo un altro degli articoli previsti e dedicati a questa piattaforma(ovviamente l’overclock sulle Ram e l’ottimizzazione dei timings è valido e porta a miglioramenti su tutte le piattaforme).

Risultato ulteriormente migliorabile, ma mi sono limitato ad un overclock mediamente raggiungibile dalla maggior parte dei chip.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.