AMD Graphics Core Next 1.0 nel 2018. R9 280 vs Gtx 1050ti

La R9 280, rebrand della più vecchia HD 7950, è una scheda che ha indubbiamente avuto successo tra i gamers negli anni tra il 2012 e il 2015.
Nel 2014-2015 era possibile trovare in commercio la R9 280 a circa 200-220 euro, un prezzo davvero competitivo in quegli anni.
Una cosa è certa la prima generazione dell’architettura GCN (Graphics Core Next), dal 2011 ad ora, ha visto succedersi varie generazioni di schede video e può essere facilmente considerata ormai obsoleta.
Adesso, nel 2018, ci chiediamo “ma è davvero così obsoleta?”.
“Come se la cava se la confrontiamo con una scheda che nel 2018 costa circa 180 euro”?
Ebbene, abbiamo deciso di scoprirlo, prendendo una GTX 1050ti Windforce della Gigabyte e confrontandola con una R9 280 Dual X della Sapphire.
Entrambe le schede sono state testate sulla medesima configurazione ed entrambe in Full HD a dettagli molto alti.

CONFIGURAZIONE DI PROVA : Ryzen 1700x 4.0 Ghz ; Asus B350 Prime Plus ; 16GB(2×8) Ram Flare X 3200 Mhz CL 14 ; Windows 10
Nvidia Driver 391.21
AMD Driver 18.3.3

Per i nostri test abbiamo scelto vari giochi, alcuni presi tra le ultime uscite, altri più datati.
Alcuni titoli sponsorizzati AMD, come Deus Ex Mankind Divided, altri sponsorizzati Nvidia, come Final Fantasy 15 (abbiamo disattivato i GameWorks), altri invece neutri.
Dove possibile ci siamo avvalsi dei Benchmark integrati nei giochi, altrimenti, ci siamo avvalsi dell’ormai noto FRAPS.
Iniziamo con le due schede a frequenze di fabbrica

TEST STOCK

A frequenze stock, le schede performano in modo abbastanza simile, ma possiamo affermare che la scheda di casa Nvidia è mediamente in vantaggio quasi in tutti i titoli, in particolar modo su Assassin’s Creed Origins, fatta eccezione per Kingdom Come Deliverance che sembra invece andar a braccetto con la scheda di casa AMD.

TEST OC

Uno dei motivi per cui la R9 280 è nota, è il suo non indifferente margine di Overlock, ed è per questo che non può mancare un approfondimento, fatto ripetendo i test con le due schede in Overlock.
Abbiamo usato Afterburner e siamo arrivati a queste frequenze per la 1050ti.

Abbiamo usato una vecchia versione di Trixx per poter sbloccare il voltaggio della Dual X, arrivando a queste frequenze.

 


Vediamo adesso come si comportano le due schede.

 

Anche qui le due schede non sono molto lontane, ma la R9 280 fa valere le sue doti di Overclocker, e la situazione si ribalta.
La scheda di casa AMD è avanti mediamente in tutti i titoli, in particolar modo su Kingdom Come Deliverance in cui la differenza è abbastanza accentuata arrivando ad un 20% abbondante.
La Gtx 1050ti è in testa solo su Assassin’s Creed Origins.

CONCLUSIONI

La vecchia R9 280 nonostante gli anni sulle spalle, ed una architettura non all’ultimo grido, ha ancora da dire la sua e da del filo da torcere alla Gtx 1050ti, scheda che nel 2018 non ha un prezzo poi così differente da quello che aveva la R9 280 ben quattro anni fa.
Ovviamente, è indubbio che le nuove schede siano sensibilmente più efficienti, cosa che non abbiamo volutamente messo in risalto, dandola per scontata. Basti pensare che la Gtx 1050ti viene prodotta senza pin ausiliari, mentre la r9 280 necessita di ben 2×6 pin. Si può tranquillamente dire, senza andar troppo lontano dalla realtà, che la Gtx 1050ti consuma 1/3 dei Watt richiesti dalla R9 280.
Ciò che comunque risulta veramente sorprendente, è come una scheda con un’ architettura del 2011, possa spingere ancora così forte, al punto che ora, nel 2018, per considerare un upgrade e pensionarla, bisogna guardare almeno ad una Gtx 1060 o ad una Rx 580 o Rx 570.
Questo ne fa anche una scheda interessante per chi cerca qualcosa tra l’usato e vuole spendere poco. Una R9 280 se presa sotto i 100 euro, può ancora dare soddisfazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.