Epic riscrive parte del Unreal Engine 5 per tenere il passo con la velocità del SSD di PS5

Il SSD che verrà utilizzato nella Play Station 5 pare essere una delle più grosse innovazioni che saranno implementate con la prossima generazioni di console.
Tale SSD, anche grazie all’ottimizzazione software fatta da Sony, pare avere una velocità tale nel trasferimento dati che è stato necessario riscrivere parte del Unreal Engine 5 per far si che il motore grafico potesse giovare al massimo di tale velocità.
Precedentemente le lente soluzioni di archiviazione presenti nelle console costringevano gli sviluppatori a creare degli escamotage che permettessero all’Engine di caricare scene e texture. Alcuni esempi sono i lunghi trasporti in ascensori o anche delle lunghe cut scenes. Ora però tutto questo diventerà una cosa del passato e ”trucchetti” simili scompariranno grazie agli SSD delle prossime console.
In questi termini si è espresso Tim Sweeney, CEO di Epic riguardo l’importanza del nuovo tipo di archiviazione della PS5:
”Sono stati profusi molti sforzi per migliorare i caricamenti e lo streaming di Unreal Engine in modo da assicurarci che la CPU non diventi il collo di bottiglia.
PS5 ha contribuito significativamente al miglioramento, e da questo lavoro ne gioveranno tutte le piattaforme.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.